Parco Naturale Regionale della Lessinia

Verona. Il Parco Naturale Regionale della Lessinia, Veneto, si estende sull'altopiano dei Monti Lessini, alle spalle di Verona e al confine con la provincia di Trento. Il paesaggio è quello tipico prealpino, con ampie dorsali, conche e vallette colorate da prati e pascoli, alternati a boschi di carpino, faggio, abete rosso. I lembi di foresta, che coprono i versanti dei vaj (profonde incisioni vallive), testimoniano di boschi molto più estesi, prima che l'uomo cominciasse una diffusa azione di disboscamento, portata avanti per secoli. Tra le attrazioni naturali del Parco, Bolca è la località con il maggior fascino. Decine di migliaia di fossili di pesci e piante sono stati estratti dalla Pesciara di Bolca: un giacimento dell`Era Terziaria, che racconta l'incredibile storia di come, 50 milioni di anni fa, tutta quest`area fosse un grande mare con abbondante flora e fauna. Le particolarità geologiche della Lessinia sono testimoniate anche dal Covolo di Camposilvano, la più grande cavità carsica delle prealpi venete: una voragine profonda circa 70 metri, al cui interno si possono notare un pozzo di crollo ed una caverna residuale. Questa cavità custodisce le tre delle più importanti formazioni rocciose della Lessinia: l'oolite di San Vigilio, l'ammonitico, e il biancone. In inverno inoltrato il ghiaccio ricopre il pavimento della caverna sino a tarda estate, e fino ad un secolo fa, gli abitanti del luogo se ne servivano come frigorifero naturale. Luogo misterioso e suggestivo, secondo le leggende popolari è dimora di orchi e streghe, ma non solo, tradizione vuole che Dante si sia ispirato proprio al Covolo per creare la morfologia del suo inferno. Nella Lessinia le tradizioni popolari sono quanto mai vive e permeano il Parco con particolari testimonianze, come i capitelli, steli di pietra con figure sacre a bassorilievo. Posti agli angoli delle strade o nei pressi delle abitazioni, avevano una funzione apotropaica, scudo contro i pericoli naturali e soprannaturali. Le figure sacre si ritrovano affrescate anche sulle pareti delle case, dipinte dai "madonnari", che in cambio di un pasto e di un alloggio, lasciavano la loro opera. Risalgono tutte al periodo compreso tra seconda metà del XVII secolo e non superano mai la prima metà del XX secolo. Baite, pievi e mulini, ma anche tracce di trincee della Prima Guerra Mondiale, posti di vedetta in galleria, piazzole per cannoni, edifici un tempo destinati ad ospedali da campo, arricchiscono il paesaggio del Parco, raccontando la lunga storia dei suoi abitanti.   

Cima Trappola & Passo Malera

Trekking

Este
16 Settembre 2018

Sci Escursionismo in Lessinia – Veneto

Sci di fondo

Parco Naturale Regionale della Lessinia
15 Dicembre 2020

Escursione dai Parpari a Cima Trappola


Parparo di Sopra, Roveré Veronese (VR)
18 Settembre 2016

Alla scoperta dell'antica arte sacra e delle contrade della Lessinia dei Cimbri

Escursione

Parco Regionale della Lessinia, Verona, ...
6 Settembre 2020

Il bramito del cervo in Lessinia

Esplorazione

Parco Naturale Regionale della Lessinia,...
26 Settembre 2020

CORSO DI ORIENTAMENTO NATURALE IN LESSINIA

Orienteering

BOSCO CHIESANUOVA
25 Ottobre 2020

Luci e ombre in montagna. Tramonto sul Carega

Escursione

Giazza
26 Giugno 2021

I PASCOLI LESSINICI ILLUMINATI DAL TRAMONTO

Passeggiate

Passo Fittanze
22 Gennaio 2022
Nessun post presente
immagine badge

Professionale

Guida Ambientale Escursionistica, Istruttore di Nordic Walking

Guida Ambientale Escursionistica

Guida Ambientale Escursionistica

Professionale

Guida Ambientale Escursionistica

Nessuna struttura ricettiva presente