Spiritualità antica e misteri sospesi nell’abbazia abbandonata

Il percorso, abbastanza impegnativo attraversa alcune tra le più belle faggete dei Monti Lepini, in un ambiente naturale particolarmente dinamico. Attraverso fitti boschi e dopo una salita che permetterà di scaldare le gambe ridiscenderemo, attraverso un suggestivo bosco verso la verdeggiante e selvaggia Valle della Fota, ricca d’acqua. Incontreremo due fresche fonti, raggiunte le quali inizieremo a salire verso i resti dell’abbazia di S. Stefano in Val Roscina, fondata nel 1247 e misteriosamente abbandonata circa sessanta anni dopo. Oggi dell’abbazia rimangono pochi resti (alcune parti come la campana e la facciata sono state trasportane nel paese di Carpineto Romano), ma il luogo, immerso nella natura più selvaggia, conserva inalterato il fascino di una storia millenaria e sprigiona ancora oggi l’energia di una spiritualità antica e di misteri sospesi. Non è raro incontrare branchi di cavallini dei Monti Lepini, vero simbolo della libertà di questi luoghi.

Informazioni tecniche
Dislivello Salita 520 metri
Dislivello Discesa 520 metri
Organizzata da
Professionale

Enrico Caciolo

  • Guida Ambientale Escursionistica
Info
Data Inizio 19 Ottobre 2019
Scadenza Iscrizioni 18 Ottobre 2019
Luogo Carpineto Romano
Orario 8:00 am - 4:00 pm
Tipologia di escursione 1
Difficoltà Medio
Costo 15,00