Borghi Medievali di Sicilia

Per il ponte dell'Immacolata regalati l'emozione di passeggiare tra antichi borghi siciliani, scoprendo affascinanti castelli diroccati e stradine medievali e gli splendidi paesaggi camminando tra boschi naturali.

A rendere l'esperienza ancora più autentica la degustazione del tortone home-made in grotta e della ricotta calda preparata al momento con il latte di bufala.

1 Giorno – Giovedì 8 dicembre

8:15 Raduno a Palermo P.le Giotto davanti al Bar Oceania e Partenza alle 8.30

10:30 Arrivo a Gangi

Escursione alla Rupe Rossa e alla Balza di Pezzalunga

In un recente e inedito studio geografico basato sull’analisi dei crinali spartiacque, si è scoperto che dalla Rupe Rossa, un modesto rilievo dei Monti Erei, posto pochi chilometri a sud est di Gangi a circa 950 m slm, partono le aste fluviali dei fiumi Simeto-Salso-Sperlinga, Imera Meridionale-Salso-Gangi e Pollina. Il percorso  inizia dall'antico e suggestivo ex monastero di Gangi vecchio (m 850), da dove camminando per una ombrosa trazzera ci inoltreremo fino a risalire sui crinali della Balza di Pezzalunga, su cui si alternano pascoli e boscaglia a roverelle, perastri e meli selvatici. Salendo di quota (altezza max m1055) i panorami si allargano sull'Etna, i Nebrodi e le Madonie e dalla Rupe Rossa che raggiungeremo facilmente dopo aver ridisceso dolcemente lungo l’erboso versante nord-est della Balza, tra mucche e cavalli al pascolo,  potremo osservare da vicino e in tutta la loro evidenza, gli elementi che fanno di questo luogo il centro geografico della Sicilia.

Difficoltà : facile. Percorso in prevalenza su stradella sterrata e sentieri

Lunghezza: percorso ad anello di circa 5,5 Km complessivi.

Dislivello complessivo: circa 250 m

15:30 Ritorno in paese e visita di Gangi

Gangi è stato proclamato "Borgo dei borghi 2014" per via dei monumenti di estremo interesse che contiene, per i meravigliosi scorci paesaggistici in cui si affaccia e per la sua storia densa di avvenimenti e di tracce disseminate nel suo territorio. Visiteremo i monumenti e le chiese più belle e il noto museo archeologico che raccoglie anche la mostra pittorica permanente di Giambecchina

19:00 Trasferimento a Nicosia, sistemazione in hotel, cena e pernottamento

 

 

2 Giorno – Venerdì 9 dicembre

8:30 Colazione e partenza per visita a produttore formaggi e salumi di bufala

9:00 Degustazione della ricotta calda e ritiro pranzo al sacco realizzato con prodotti di produzione propria dell’azienda

Escursione Monte Sambughetti e laghetti Campanito

Il Bosco della Giumenta occupa le pendici settentrionali dell'arenaceo Monte Sambughetti (m1558), uno dei principali rilievi della dorsale dei Nebrodi. Il bosco naturale è costituito in alto da faggeta con agrifoglio, nel mezzo da cerreta e in basso da sughereta. Il Colle del Contrasto è un'ampia sella, di quota m1107, da cui passa la statale 117 che collega Mistretta e Nicosia. Da qui inizia una sterrata in direzione sud-ovest che porta alle pendici orientali del Monte Sambughetti. Il Monte Campanito (m 1512) è un roccione arenaceo che fa parte della cresta meridionale del Sambughetti. Ad est di questo dente di roccia si trovano i Laghetti Campanito. Il laghetto più grande si trova a quota m 1257 ed è di origine naturale.

Difficoltà: media   –  450 metri di dislivello  –  5 ore di cammino

 

15:30 Visita di Nicosia, giro delle chiese, ruderi del Castello e ponte normanno

20:00 Rientro in albergo, cena libera e pernottamento

 

 

3 giorno – Sabato 10 dicembre

8:30 Colazione e partenza per Sperlinga

Escursione al bosco di Sperlinga

Il Bosco di Sperlinga è un querceto di caducifoglie a sud-ovest dell'abitato omonimo. L'essenza arborea dominante è la roverella, nelle sue forme più termofile. Le crestine rocciose sono localmente impreziosite da annosi esemplari della sempreverde quercia da sughero. Il sottobosco è dominato da una fabacea spinosa che in Sicilia è chiamata alastre (Calicotome infesta), mentre le radure erbose sono in questo momento caratterizzate da una imponente fioritura di Crocus biflorus, splendida iridacea caratteristica dei querceti termofili del Mediterraneo orientale ed uno dei primi fiori a comparire in montagna alla fine dell'inverno. Il paesaggio è caratterizzato dall'emergere, dalle colline di argilla, di grandi e piccoli roccioni arenacei.

Difficoltà: medio-facile   –   Lunghezza: 8 km   –   Dislivello: 400 m

 

15:00 Visita guidata di Sperlinga con degustazione del tipico “tortone” in grotta

Sperlinga Già definita "una regale dimora rupestre" scavata in una gigantesca mole d'arenaria, è un piccolo ma splendido paese già inserito nel novero dei “borghi più belli d’Italia” caratterizzato dal suo borgo rupestre e sovrastato dallo splendido castello edificato inizialmente dai Siculi e poi ricostruito intorno all’anno X.

19:00 Rientro in albergo, cena e pernottamento

 

4 Giorno – Domenica 11 dicembre

8:30 Colazione e partenza per escursione al monte Altesina

Escursione a Monte Altesina

Il Monte Altesina è un rilievo panoramico costituito da arenaria quarzosa dell'oligocene. E' alto 1192 m s.l.m. ed è la prima vetta dei Monti Erei. Sul versante settentrionale resiste un lembo di bosco naturale, un querceto misto mediterraneo. Dall’età del Bronzo sull’Altesina è attestata presenza dell’uomo. Sui suoi fianchi e sulla sua sommità si trovano resti di un piccolo, ma interessante abitato con edifici in pietrame misto a pianta quadrangolare

Difficoltà: medio facile    –   Lunghezza 8 km    –    Dislivello 350 m

 

16:00 Partenza per il rientro 

Punto d'incontro
Organizzata da
Associazioni

TripPuzzle

  • Accompagnatore Cicloturistico
  • Guida Ambientale Escursionistica
  • Guida Turistica
Info
Data Inizio 8 Dicembre 2016
Data Fine 11 Dicembre 2016
Nazione Italy
regione Sicilia
Provincia Enna (EN)
Località Nicosia
Tipologia di escursione Trekking
Difficoltà E : Escursionisti
Adatta ai bambini SI