Iscriviti Login Password dimenticata?

Italia Coast to Coast

18-06-2017
Mondo Escursionismo
Italy > Marche > Ancona (AN)

Elio Roma ci riprova.

Dopo i successi nelle diverse iniziative in cui si è cimentato in tanti anni di attività agonistica (…), quest’anno si cimenterà nella Italia Coast to Coast.

Il progetto:

I primi di Luglio in compagnia di altri due Coaster attraverseremo l’Italia seguendo l’itinerario che da Ancona porta a Orbetello, disegnato da Simone Frignani, autore anche del Cammino di Assisi e del Cammino di San Benedetto.

Itinerario:

Partendo da Portonovo, grazioso borgo di pescatori a due passi da Ancona, raggiungeremo Osimo, città ricca d’arte e di storia. Per stradine sterrate attraverso le dolci colline marchigiane toccheremo Filottrano e Treia, città romana su un’antica via tra le Marche e l’Umbria. Da lì c’incammineremo verso San Severino Marche, città d’arte ai piedi dell’Appennino, che affronteremo nella tappa successiva verso Pioraco, in un percorso dalla grande valenza storica e naturalistica.

Proseguiremo risalendo la valle del fiume Potenza e, affrontando un facile e antico valico, giungeremo a Nocera Umbra, città delle acque. Lungo sentieri magnifici e sempre facilmente individuabili, aggireremo il monte Subasio per giungere ad Assisi, prima importante mèta del C2C. Destinazione privilegiata di pellegrini provenienti da tutto il mondo, è città romana e medievale, capace di concentrare in sè arte, storia, cultura, spiritualità.

Attraverseremo poi la Valle Umbra per Bevagna, splendida cittadina medievale, e Gualdo Cattaneo; per giungere infine a Todi, “la perla dell’Umbria” dai numerosissimi motivi d’interesse. Attraversando il Parco Fluviale del Tevere, ci tufferemo in una natura mozzafiato. Dal balcone naturale di Civitella del Lago, resteremo affascinati dalla vista del lago di Corbara; e se non ci tratterrà più a lungo l’amenità del luogo, proseguiremo per Orvieto, città etrusca, romana, medievale e rinascimentale su un’imponente rupe di tufo.

Percorrendo una via etrusca e poi romana, riprenderemo il C2C alla volta di Bolsena, sul lago omonimo, dove avvenne il miracolo eucaristico del 1263 che portò all’istituzione del Corpus Domini. Continueremo quindi lungo un tratto della via Francigena, e deviando a occidente raggiungeremo Onano, simpatico paese della Tuscia viterbese.

Un’altra semplice tappa ci condurrà a Sorano, la prima delle “città del tufo”, cui giungeremo dopo aver visitato un interessante insediamento rupestre. Per le due tappe successive ci muoveremo lungo le Vie Cave, strade che gli etruschi avevano scavato nelle pareti tufacee di queste zone. In questo paesaggio dominato dall’elemento etrusco, e tra magnifici vigneti, raggiungeremo poi Sovana, imperdibile piccolo gioiello medievale e importantissimo luogo etrusco. Ancora attraverso Vie Cave, arriveremo a Pitigliano, “città del tufo”, dai magnifici scorci.

Attraverso sterrate lungo la valle del Fiora, toccheremo Manciano, “balcone” sulla Maremma; poi tuffandoci in boschi ombrosi giungeremo a Capalbio, da dove sentiremo il profumo dell’ormai vicinissimo mar Tirreno. Un’ultima, entusiasmante tappa ci condurrà infine a Orbetello, mèta finale del C2C, dopo aver attraversato il Tombolo di Feniglia, eccezionale ambiente umido d’importanza europea.

 410 Km a piedi, 18 tappe, 4  Regioni attraversate

Siamo alla ricerca di sostenitori e finanziatori che vogliono accompagnarci in questa avventura.

Chi è Elio Roma:

ROMA ELIO nato a Taranto il 13.08.1955 e residente in Crispiano.

Insegnante di Scienze Motorie presso l’istituto alberghiero “Elsa Morante” di Crispiano.

Cofondatore del settore Hiking dell’ASD Terranostra Teambike.

Oltre alle avventure in mountain bike (attraverso il deserto della Tunisia e di quello Australiano, il Cammino di Santiago), all’attivo ci sono anche il Cammino di Assisi e quello di San Benedetto (realizzati negli ultimi due anni)

Ideatore delle Filippiadi, maratona non competitiva per walker nel territorio dei Comuni di Crispiano e Martina Franca, che nelle ultime due edizioni ha portato complessivamente 300 persone a percorrere i sentieri e i tratturi del Bosco delle Pianelle.